FANDOM


Società Sportiva Lazio
Lazio stemma
Segni distintivi
Colori sociali: Bianco e celeste
Simboli: Aquila
Inno: Vola Lazio vola
Dati societari
Città Roma
Lega Serie A
Paese Italia
Confederazione UEFA
Fondazione 1900
Presidente Claudio Lotito
Allenatore Stefano Pioli
Stadio Stadio Olimpico di Roma
(73.261 posti)
Palmarès
Scudetto Scudetto Coccarda Coppa Italia Coccarda Coppa Italia Coccarda Coppa Italia Coccarda Coppa Italia Coccarda Coppa Italia Coccarda Coppa Italia Supercoppaitaliana Coppacoppe Supercoppaeuropea
Scudetti 2
Titoli nazionali 1 Campionato di Serie B
Trofei nazionali 6 Coppe Italia
3 Supercoppe italiane
Trofei internazionali 1 Coppa delle Coppe
1 Supercoppa UEFA
1 Coppa delle Alpi

La Società Sportiva Lazio S.p.A., nota come S.S. Lazio o più semplicemente Lazio, è una società calcistica italiana, fondata a Roma il 9 gennaio del 1900 come Società Podistica Lazio da nove atleti, guidati dal sottufficiale dei Bersaglieri Luigi Bigiarelli. È stata la prima squadra di calcio nata a Roma nel 1910. Insieme a Juventus e Roma, è una delle tre società di calcio, che in forma di S.p.A., è quotata in Borsa.

La formazione capitolina gioca nella massima serie del campionato italiano di calcio, Divisione nella quale ha militato per la maggior parte della sua storia; ha concluso il campionato per tre volte al secondo posto e sei volte al terzo, arrivando sul podio nei 68 campionati di Serie A disputati dei 79 totali nel 14% delle occasioni, arrivando anche a giocare per tre volte la finalissima nazionale. La Lazio si è laureata campione d'Italia due volte, ha conquistato la Coppa Italia cinque volte, la Supercoppa Italiana tre volte e per una volta la Coppa delle Coppe e la Supercoppa UEFA, oltre ad una Coppa delle Alpi.

La Lazio raggiunse il suo primo maggior successo nel 1958, quando vinse per la prima volta la Coppa Italia. Il primo titolo italiano arrivò nel 1974, il secondo ed ultimo nell'anno 2000, inoltre le Aquile disputarono la finalissima nazionale, valevole appunto per l'assegnazione dello Scudetto, in tre occasioni, nel 1913, 1914 e 1923, senza però centrare in nessun caso la vittoria. Gli anni novanta sono stati i più vittoriosi nella storia della società capitolina, avendo visto la vittoria della Coppa delle Coppe e della Supercoppa UEFA nel 1999 ed il raggiungimento della finale di Coppa UEFA nel 1998. I tradizionali colori della Lazio sono il bianco e il celeste, scelti all'epoca della sua fondazione, in onore della Grecia, patria delle Olimpiadi, mentre il simbolo della società è l'aquila, antico emblema delle legioni dell'Impero romano. Lo Stadio Olimpico, con 72,689 posti a sedere, è l'impianto dove il club disputa le gare casalinghe, così come la Roma, storica rivale dei biancocelesti. Le due formazioni romane si affrontano annualmente giocando il Derby della Capitale.

Attualmente, le Aquile sono la sesta squadra d'Italia per numero di tifosi, dietro Juventus, Inter, Milan, Roma e Napoli. Nella classifica mondiale per club di tutti i tempi ("All-Time Club World Ranking"), stilata nel dicembre 2009 dall'Istituto Internazionale di Storia e Statistica del Calcio (IFFHS), la Lazio occupa il 20º posto preceduta, in Italia, solamente da Juventus, Milan, Inter, Roma e Parma. Mentre la classifica mondiale per club (IFFHS) relativa al periodo dicembre 2009/novembre 2010 ("Club World Ranking") pone la Lazio al 147º posto, nona tra le squadre italiane presenti in questa particolare graduatoria. La S.S. Lazio è anche una società polisportiva che partecipa ad un totale di 41 discipline, più di ogni altra polisportiva nel mondo.

Cenni StoriciModifica

La Società Podistica Lazio (solo nel 1925 rinominata Società Sportiva Lazio), fu fondata il 9 gennaio 1900, nel quartiere Prati di Roma da 9 ragazzi, con a capo il sottufficiale dei Bersaglieri, nonché atleta podista, Luigi Bigiarelli. La Lazio partecipò alle competizioni ufficiali dal 1912, anno in cui la FIGC incominciò ad organizzare campionati al Centro ed a Sud Italia; il club capitolino raggiunse la finale del campionato tre volte, senza però mai vincerlo, perdendo prima col Pro Vercelli nel 1913, poi col Casale nel 1914 e infine col Genoa nel 1923. Nel 1927 la Lazio fu l'unica squadra romana a resistere alla volontà del regime fascista di riunire tutte le squadre di Roma in un unico grande club, quello che sarebbe diventato poi l'A.S. Roma. Il club partecipò al primo campionato di Serie A nel 1929 e, guidato dallo storico attaccante Silvio Piola, raggiunse il secondo posto nel 1937, il suo più alto risultato in campionato prima che incominciasse la Seconda guerra mondiale e sempre nel 1937 la finale di Coppa dell'Europa Centrale (successivamente ridenominata Coppa Mitropa) in cui fu sconfitta nella doppia finale dagli ungheresi del Ferencvaros. Gli anni cinquanta diedero alti e bassi, con la vittoria del primo trofeo, la Coppa Italia del 1958. Successivamente, la Lazio retrocesse per la prima volta in Serie B nel 1961, ma ritornò in massima serie due anni dopo.


La Lazio con lo Scudetto sul petto. Dopo vari anni con piazzamenti a metà classifica, il club capitolino retrocesse nuovamente nel campionato 1970-1971. Tornata in Serie A la stagione 1972-1973, la Lazio sorprendentemente si dimostrò all'altezza degli altri contententi dello Scudetto come la Juventus e il Milan, e non lo vinse solamente quando perse all'ultima giornata sul campo del Napoli. La "spina dorsale" di questa squadra era formata dal capitano Pino Wilson, dai centrocampisti Luciano Re Cecconi e Mario Frustalupi, dal bomber Giorgio Chinaglia e dall'indimenticato tecnico Tommaso Maestrelli. Questa Lazio l'anno successivo vinse il suo primo titolo in Serie A, nel 1973-1974. Successivamente, le tragiche morti di Re Cecconi e Maestrelli, oltre al trasferimento di Chinaglia negli Stati Uniti, fecero sì che il club scendesse precipitosamente di livello. L'unico conforto fu dato dall'attaccante Bruno Giordano, che nel 1979 finì capocannoniere della Serie A consentendo alla Lazio di ottenere l'ottavo posto finale. L'anno dopo, la Lazio fu forzatamente retrocessa nella serie cadetta dopo uno scandalo che vide fare scommesse sul risultato delle partite stesse della squadra, insieme al Milan. La formazione biancoceleste rimase tre stagioni in B, e questo periodo può essere considerato uno dei più bui nella storia del club. Tornò nella massima serie nel 1983 e riuscì a rimanerci anche l'anno successivo grazie ad una salvezza raggiunta solamente all'ultima giornata. La tormentata stagione 1984-1985 portò ad una nuova retrocessione dato che la squadra si classificò all'ultimo posto, raccogliendo solamente 15 punti. Nel 1986, la Lazio fu colpita da una penalizzazione di 9 punti (un colpo veramente duro quando la vittoria valeva solamente due punti) per uno scandalo nuovamente sulle scommesse che coinvolgeva il capitano Claudio Vinazzani. Ci fu una dura lotta contro la retrocessione in questa annata per non sprofondare in C, con il club guidato da Eugenio Fascetti che la evitò solamente agli spareggi contro il Taranto e il Campobasso. Questa fu una svolta nella storia della squadra biancoceleste, che tornò in Serie A nel 1988 e, sotto un'attenta gestione del patrimonio finanziario da parte del presidente Gianmarco Calleri, si consolidò e cominciò a competere per i primissimi posti della classifica.


Alessandro Nesta, cresciuto nella Lazio e capitano nella stagione del secondo Scudetto. L'insediamento del finanziere romano Sergio Cragnotti, avvenuto nel 1992, cambiò radicalmente la storia del club laziale grazie ai suoi importanti investimenti che portarono i biancocelesti a primeggiare in Italia e in Europa. Cragnotti batté ripetutamente tutti i record riguardo le valutazione del calciomercato, acquistando calciatori del calibro di Juan Sebastián Verón e Christian Vieri, con i quali superò di molto le cifre degli allora trasferimenti più costosi del mondo, e successivamente del centravanti argentino Hernán Crespo, acquisito quasi al prezzo doppio del centrocampista Verón. La Lazio si piazzò seconda in Serie A nel 1995, terza nel 1996 e quarta nel 1997; si attestò nuovamente seconda ad un solo punto dal Milan all'ultima giornata nel 1999 - su cui furono poi forti le polemiche per un presunto aggiustamento del campionato a favore del Milan - per poi finalmente vincere il suo secondo Tricolore nel 2000, anno in cui vinse anche la Coppa Italia, collezionando così (secondo gli standard italiani) un impressionante "Double" con lo svedese Sven-Göran Eriksson (1997-2001) come allenatore. Questi anni videro la squadra capitolina vincere altre due Coppa Italia, nel 1998 e nel 2004, oltre all'ultima Coppa delle Coppe disputata nel 1999, che conferì alla Lazio il primo titolo europeo a livello calcistico. Già nel 1998 la Lazio era arrivata in una finale europea, quella di Coppa UEFA contro l'Inter, ma aveva perso con un netto 3-0. In quell'anno, comunque, i biancocelesti vinsero la loro prima Supercoppa Italiana (successo che sotto Cragnotti si sarebbe anche ripetuto nel 2000) e il loro secondo titolo europeo nel 1999, la Supercoppa UEFA contro gli allora Invincibili del Manchester United. Inoltre, nel 1998 divenne il primo club di calcio italiano ad essere quotato in Borsa.


La Lazio festeggia la quinta Coppa Italia della sua storia. A partire dal 2002, anche a seguito di alcuni problemi finanziari del presidente Cragnotti e della sua società, la Cirio, i risultati della Lazio iniziarono a peggiorare, anche perché il club fu costretto a privarsi delle proprie maggiori stelle, compreso il capitano e simbolo Alessandro Nesta.. Nell'estate 2004, dopo una gestione di due anni guidata dal gruppo bancario Capitalia, con alla guida della società il presidente Ugo Longo, la Lazio si ritrovò sull'orlo della bancarotta, nonostante due amumenti di capitale in gran parte sottoscritti dai tifosi delle Aquile. Nel luglio 2004 l'imprenditore romano Claudio Lotito acquistò infine il club biancoceleste grazie ad un accordo con i vertici di Capitalia, e lo stesso patron laziale riuscì a salvare la società dal fallimento grazie ad una transazione con l'Agenzia delle Entrate per la rateizzazione in 23 anni dei debiti accumulati dalla S.S. Lazio col Fisco nel marzo 2005. Dopo un anno di transizione, che vide il ritorno alla Lazio dell'attaccante Paolo Di Canio, una sconfitta nella finale di Supercoppa Italiana contro il Milan, ed una salvezza tranquilla, nell'anno successivo le Aquile, sotto la guida tecnica del mister Delio Rossi, arrivarono fino alla qualificazione per la Coppa UEFA 2006-2007, ma a causa dello scandalo di Calciopoli fu estromessa dalle competizioni europee e penalizzata di 11 punti, ridotti poi a 3, in campionato per la stagione successiva. In quest'ultima, comunque, la Lazio riuscì a piazzarsi terza guadagnando l'accesso alla Champions League dell'annata seguente. Il primo trofeo dell'era Lotito risale al 2009, quando la Lazio vinse la sua quinta Coppa Italia. A fine stagione Rossi fu sostituito dal ravennate Davide Ballardini, che mise in bacheca la terza Supercoppa Italiana biancazzurra, battendo nella finale di Pechino i campioni d'Italia in carica dell'Inter. L'attuale allenatore è il goriziano Edoardo Reja, subentrato a Ballardini, il quale fu esonerato nel febbraio del 2010 a causa di una prima parte di stagione alquanto deludente, con la missione di centrare il prima possibile l'obiettivo salvezza; questo traguardo è stato raggiunto, dopo una lunga rincorsa, alla penultima giornata di campionato.