FANDOM


Serie A
LegaSerieAlogoTIM
Altri nomi Serie A TIM
Tipo Club
Federazione FIGC
Paese Italia
Organizzatore Lega Serie A
Titolo Campione d'Italia
Apertura agosto
Chiusura maggio
Partecipanti 20 (dal 2004-2005)
Formula Girone all'italiana
Retrocessione in Serie B
Storia
Fondazione 1898
1929-1930 (girone unico)
Detentore Nero e Bianco (Strisce) Juventus
Maggiori titoli Nero e Bianco (Strisce) Juventus (30)
Edizione in corso Serie A 2015-2016
Scudetto
Trofeo o riconoscimento

La Serie A, chiamata ufficialmente Serie A TIM per ragioni di sponsorizzazione, è il massimo livello professionistico del campionato italiano di calcio.

Dal 1º luglio 2010 il torneo è organizzato dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A dopo che le società dei due maggiori campionati professionistici si sono separate in due leghe distinte.[1]

La Serie A è uno dei più importanti e seguiti campionati calcistici del mondo nonché il quarto più competitivo d'Europa secondo l'attuale classifica del coefficiente UEFA.[2]

FormulaModifica

Dal 2004 al campionato di Serie A partecipano 20 squadre che giocano un girone all'italiana con gare di andata (tra agosto e gennaio) e ritorno (tra gennaio e maggio): sono assegnati tre punti per la vittoria (fino al 1993-94 due) e un punto per il pareggio.

In base al coefficiente UEFA, stilato annualmente, le posizioni in classifica alla fine del campionato determinano la qualificazione alle coppe europee per la stagione successiva. Il campionato di Serie A si trova al momento al quarto posto del ranking europeo. Le prime due squadre accedono direttamente ai gironi della Champions League, mentre la terza classificata si qualifica al turno di play-off della medesima competizione;[3] la quarta accede direttamente ai gironi dell'Europa League,[4] mentre la quinta si qualifica al 3º turno preliminare della medesima competizione. Ricordando che la squadra che vince la Coppa Italia è iscritta di diritto alla fase a gironi dell'Europa League, qualora quest'ultima abbia invece già ottenuto la qualificazione alle coppe europee,[6] la sesta classificata accede anch'essa alla competizione continentale, sottoponendosi però ai preliminari in luogo della società che la precede.

Retrocedono invece in Serie B le ultime tre squadre classificate.

In caso di arrivo in parità, per determinare il piazzamento nella classifica finale si tiene conto dei seguenti criteri:

  • Classifica avulsa;
  • Differenza reti dei confronti diretti;
  • Differenza reti globale;
  • Maggior numero di gol segnati;
  • Sorteggio.

Il numero di squadre partecipanti è cambiato più volte nel corso della storia della Serie A:

  • 1929-1934: 18 squadre
  • 1934-1943: 16 squadre
  • 1946-1947: 20 squadre
  • 1947-1948: 21 squadre
  • 1948-1952: 20 squadre
  • 1952-1967: 18 squadre
  • 1967-1988: 16 squadre
  • 1988-2004: 18 squadre
  • 2004-: 20 squadre

NoteModifica

  1. http://www.gazzetta.it/notizie-ultima-ora/Atri_sport/via-nuova-Lega/01-07-2010/2-A_000116799.shtml
  2. http://it.uefa.com/memberassociations/uefarankings/
  3. In base alle modifiche dei criteri d'accesso alle coppe europee volute da Michel Platini, dal 2015 potrà verificarsi il caso in cui la terza classificata della Serie A debba sottoporsi a due turni preliminari per accedere alla massima competizione continentale: ciò accadrà qualora i vincitori della Champions League non si siano già qualificati direttamente ai gironi della nuova edizione tramite il proprio campionato, e contemporaneamente i vincitori dell'Europa League non si siano qualificati in Champions sempre tramite il proprio torneo domestico.
  4. Questo accadrà dal 2015 sempre in seguito ai ritocchi dei criteri d'accesso voluti dal presidente della UEFA. In precedenza si aveva diritto all'accesso all'ultimo turno preliminare.